• Il tempio di De André va all'asta

    29 jan 2010, 00:42 av breizh_paris

    La notizia è tratta da Il secolo XIX, 19 gennaio, pag.25. Non ci credo e vado a vedere: è vero! Campeggiano nelle famose vetrine del fu Gianni Tassio i manifesti pubblicitari più che espliciti: svendita totale per cessione attività. E non c'è la folla solita. Con questa città continuo a non essere in sintonia...

    I media nazionali non ne parlano. Perché?

    http://www.facebook.com/search/?q=INFORMAGIOVANI+GENOVA&init=quick#/notes/informagiovani-genova/diventare-custodi-della-memoria-di-faber/270841135059

    Fabrizio De André
  • Concerti estate 2009

    5 sep 2009, 10:21 av donquijote82

    L'estate non è ancora finita, ma non prevedo nuovi concerti, quindi penso già di poter stilare una personale classifica. Innanzitutto devo dire che la fortuna di vivere a Roma è quella di avere un'ampia offerta di concerti, talmente ampia che un deve fare una cernita, e deve purtroppo scegliere. Oltre al fatto che spesso il lavoro non aiuta. Grandi assenti (che pure erano venuti a Roma) la Bandabardò e I Ratti Della Sabina.
    E allora partendo dal basso della classifica:
    8 - Nomadi: i Nomadi senza Danilo Sacco sembrano un gruppo di cover dei Nomadi, per carita bravissimi Massimo Vecchi e Sergio Reggioli a cantare, non mi dispiace neanche Cico Falzone alla voce. Bravo anche il coro, ma tra la scaletta con troppi brani recenti e meno male che l'album Allo specchio dovrebbe essere il migliore degli ultimi dieci anni dei Nomadi, dimostrazione della pochezza compositiva di quello che è stato il mio primo grande amore musicale, ma che ormai seguo più per ostinazione che per piacere. La prima ora di concerto scivola via con il pensiero in testa: "ma quand'è che iniziano a cantare qualcosa di decente?". Insomma per me 5,5alla buona volontà, mi chiedo cosa succederà se effettivamente Danilo Sacco, per problemi di salute dovesse lasciare definitivamente i Nomadi o cantare solo a mezzo servizio.
    7 - Modena City Ramblers: i Modena City Ramblers solo in penultima posizione, ma non perché abbiano fato un brutto concerto, anzi, a me i MCR piacciono, continuano a piacermi anche senza Cisco, e sanno stare sul palco, ma portando in giro il tour di
    Onda Libera la scaletta era pressoché uguale al concerto di marzo all'Alpheus, non era niente di nuovo, buona musica suonata con buona carica, in attesa del tour teatrale autunnale sulla falsa riga de "Il paese della vergogna" dei Gang. voto 7,5.
    6 - Radici nel cemento: gran bel concerto, con dedica personale, insomma un buon 8,0.
    5 - Come down and meet the folk: bel concerto con più persone che si alternavano sul palco che spettatori, bel feeling, peccato fossimo stanchi morti e ce ne siamo andati prima della fine. Comunque 8,5 a tutti quanti. Peccato che i Ned Ludd che erano in cartellone in realtà non ci fossero.
    4 - Le Romane. un concerto visto per caso, una sera d'estate, una bella piazzetta, buona musica con la voce divina di Raffaella Misiti. 8,5
    3 - In vino veritas. ultimo concerto in ordine di tempo, ma non nella classifica, si guadagna ampiamente la medaglia di bronzo, The Shire visti solo nei 2 brani finali, Rusticanti piacevoli con pizziche, tarantelle e saltarelli, ma i 50 km fatti (e un'ora di coda) erano tutti per I Luf: gran bel concerto, non hanno suonato i miei brani preferiti, comunque grande coinvolgimento del pubblico, che a parte me e pochi altri non conosceva né il gruppo né le canzoni, grande presenza sul palco, ottima "potenza di fuoco", unico neo la breve durata (appena un'ora e un quarto)... meritano un bell'8,5
    2 - Negrita: Negrita in concerto, data entrata nel mio calendario prima ancora che la data fosse ufficiale, il mio primo concerto dei Negrita, splendida location, un po' stretta, ma quasi un teatro naturale, con la chiesa illuminata dietro il palco... Molte canzoni dall'ultimo album: Helldorado, che però è davvero un bell'album, molte le incursioni nei brani più vecchi, tra tutte splendide Ho Imparato A Sognare e Hollywood. Pau è un vero animale da palcoscenico, grandissimo spettacolo, : voto 9,0
    1 - Lou Dalfin: medaglia d'oro ai Lou Dalfin. Non è facile incantare e coinvolgere un pubblico che non capisce un'H di quello che canti e i Lou Dalfin ci sono riusciti pienamente, a coinvolgere e a muovere un bel po' di gente. Divertenti le danze, splendida la musica un folk rock potente dalla radici antiche, insomma un meritatissimo 9,5
  • Amuri, amuri

    17 maj 2009, 16:47 av breizh_paris

    (tradizionale siciliano) Amuri, amuri chi m'hai fattu fari M'hai fattu fari 'na 'ranni pazzia lu Patri Nostru m'hai fattu scurdari, e la megghia parti di l'Avi Maria Amuri, amuri... Da quannu t'haiu vistu t'haiu amatu tantu cridia ca mi facisti la magia Criscisti cumi l'erba di lu campu Criscisti bedda per amari a mia. Amuri amuri... E vegnu appressu a 'ttia comu a negghia, comu lu cacciaturi cu la quagghia Varda 'stu cori comu s'assuttigghia, comu ferru filatu a la tinagghia. Amuri, amuri...

    anche Ginevra Di Marco
    e Daniele Sepe l'hanno cantata e incisa
  • My 10 000th scrobble - Lady-O

    19 jul 2009, 20:33 av Dufsa

    My 10 000th scrobble – Lady-O


    In November 2006 I went to my second Sufjan Stevens gig at a small rock club in Stockholm. The first time I had seen him was in May 2004 when he was touring with Br. Danielson and Woven Hand. The latter had been the reason for my interest in this gig, and I didn’t know anything about the other two acts. Sufjan was standing there on stage then, completely alone with an acoustic guitar, playing some really beautiful songs. I memorized his name but I didn’t buy a CD, instead I took a free post card promoting his album Greetings From Michigan: The Great Lake State, as a souvenir.

    Two years later, as I was looking through my record collection, I found this post card and came to think about Stevens again. As I now had the possibility to download music and add it to iTunes (which I hadn’t in 2004), I searched for some of his songs. I was really surprised when I found so many of them on LimeWire. To me he was just that obscure Christian singer/songwriter who had been playing to maybe a hundred people in a small club two years earlier. What I hadn’t noticed was that he had had his great break through one year later with “Come On Feel The Illinoise!”. I had even been to Chicago in 2005!

    So instead of playing at the club as a humble supporting solo act, he came to a quite posh venue to perform quite a flamboyant concert with a 10-people big band. I couldn’t believe it. I almost felt I had missed out on something, you know, I could have bought a record before the break through so I could tell everybody “Hey, I knew about him long before he became a star!”

    It’s even more of a thrill when you realize that you’ve missed out on an artist’s whole career, her whole life, maybe even before you were old enough to listen to music consciously. Still you get the chance to discover the music as you get older and start searching more or less actively. I mean, there is my great favourite Nick Drake who I discovered when I was 17, but at least he’s known to the world now and his music is spread more and more for each year he’s been gone. Drake, Tim Buckley, Jackson C. Frank, Sandy Denny… I really thought I knew them all. But at that concert at Berns in Stockholm, I heard a new name for the first time in my life, right out of the blue, completely unknown to me until that day.

    There was a guy who was sitting next to me on the balcony at the concert, a kindy cultural and artsy guy with an androgyn hairdo and 60’s-intellectual-glasses with thick black bows. I think he called himself Niki. He started talking to me about a church in Stockholm very famous for its liberal and warm attitude to all kinds of people – homosexual Christians (man, do they have a hard time), alcoholics, even homeless are as welcome to this church as anyone else. Niki said he used to play at services there some Sundays, and he especially mentioned one artist he preferred to cover at these events.

    He asked me if I had heard of Judee Sill. What? Who? He had to repeat the name to me several times. And as he told me more of who she was, I almost refused to believe him. There couldn’t be a singer/songwriter active in the 70’s who died young and of whom I had never heard! He said that she had been a prostitute, which puzzled me a bit (artists with that kind of story usually always get famous at least for that, if not primarily for their music) and that she had a MySpace page I should check out. I promised to do so.

    I never met Niki again, even though we exchanged numbers we failed to stay in touch. But soon after that night, I googled Sill, and apart from her MySpace page, I also got across her whole story from a different view.
    On top of that I found a remarkable site with some live recordings of hers.
    I couldn’t believe the quality of the songs she performed. It was all her own music, written with a certain gospel feel, some kind of spirituality, and it was played with great creativity and profession. I hadn’t heard a note of this before, which was really extraordinary to a nerd like me with a predilection for skilled, and mostly dead, singer/song-writers of the 60’s and 70’s. I usually recognize something… But anyway it all sounded like it could have been old forgotten classics, songs written by the greats.

    Judee Sill died of a drug overdose in 1979, the same year I was born. I’m so happy her songs are finally reaching a wider audience after so many years. They are so harmonic and well-arranged (she did most of the work herself) that you can’t believe they haven’t already become big posthumous hits and performed by today’s great singers. Judee did write for other artists in her lifetime, and my 10 000th scrobble happened to be

    Lady-O

    -which was originally recorded and released by The Turtles in 1969.

    I hope I’ve helped “spreading the word” with this post. R.I.P Judee.
  • Loser.fm

    16 jul 2009, 19:18 av Dufsa

    I discovered Spotify some months ago, as my colleagues at work have already abondoned their CD’s and mp3’s to play exclusively through this fantastic tool. I'm happy they invited me. I mean, imagine all the music you’d desire (almost), for free, whenever you want! Just with some commercials now and then (in-between songs) if you don’t subscribe to Spotify premium. A lot better than the Last.fm radio I have to say, which I recently found (to my great disappontment and irritation) not being for free anymore. Wanting to celebrate Michael Jackson’s great music, I turned on his last.fm station some weeks ago, just to discover the cheeky and almost rude message (sort of like a salesman calling you in the middle of dinner) after a couple of Jackson 5 tunes: ”Did you enjoy it? Subscribe to continue listening to your favourite music non-stop!”

    I’ve only got one thing to say.

    Screw you guys.

    This was a bad idea. Because when Spotify takes over the world (it’s not available in all countries… yet) nobody will want to listen to a station made up by a strange and incomprehensible ”tag system” (Tool has no connection to today’s Genesis!!! Tag: ””). You can’t play any tune you like or as many times as you like either. Sometimes it’s like an old analog radio too, meaning it doesn’t always play perfectly and there are interruptions for ”buffering”…

    I had listened via Spotify far too long before I discovered that you could scrobble through it. Good for Loser.fm, as this means I still bother to scrobble, just for fun. I will reach 11 000 scrobbles fast now…

    So, over to my first five-figured scrobble, the 10 000th, reached today. Next post…
  • Sab 4 Lug – Lou Dalfin

    5 jul 2009, 15:05 av donquijote82

    Sab 4 Lug – Lou Dalfin
    Il mio primo concerto dei Lou Dalfin, non vengono spesso a Roma, e quindi l'occasione non c'era mai stata. Ero un po' preoccupato, non è semplice vedere il concerto di un gruppo di cui sai poche canzoni e di cui non capisci nemmeno le parole, e tra l'altro con una compagnia (quella di mia moglie, mi fa ancora un po' strano chiamarla così, ma tant'è) che ha sentito 4-5 canzoni qualche settimana fa quando le ho detto che avevo intenzione di portarla a questo concerto. Inoltre nei dischi live e su youtube Sergio Berardo aveva un modo di fare che non mi piaceva molto, anzi mi sembrava un po' antipatico, ma quando c'è da ascoltare un po' di buona musica e in qualche modo sperimentare nuovi gruppi sono sempre felice. E devo dire di essere stato ripagato ampiamente: inanzitutto il pubblico, non tantissimo, ma quanto bastava, pochissimi ragazzini, che è un'ottima cosa visto che ormai faccio un po' fatica a sopportare i pogatori selvaggi ai concerti sempre un po' ubriachi e un po' accannati, che magari pogano e fanno casino anche su brani in cui c'è da stare fermi ad ascoltare (giuro che ho visto le bolle di sapone su Auschwitz e pogo selvaggio durante l'esecuzione di Ebano). L'inizio è un po' moscio, tutti seduti, (io a dire il vero anche un po' lontano dal palco) nessuno sotto il palco, Sergio Berardo che spiega le canzoni, man mano il ritmo entra nel corpo e non riesco a star fermo coi piedi, poi man mano, invitata anche da Berardo che spiega come si ballano i vari pezzi, il sottopalco si anima, nesun ballerin occitano provetto, ma tanto ritmo, tanti modi di ballare più o meno ridicoli (il mio era il più ridicolo) o più o meno sensuali, courente, rigudoun, poi sul farandulo si scatena la bolgia: si forma una catena e si core e si balla a ritmo... alla fine tutti sudati e senza fiato... su Se chanta Berardo invita a cantare e suonare gli strumenti sul palco, nessuno sa farlo o soa farlo, ma in fondo il coinvolgimento è già alto... Sui bis, ancora danze folli, ma mai con la paura di farsi male, mai scomposti e con il gusto di ballare e danzare su ritmi vecchi di secoli eppure ancora estremamente piacevoli... insomma una gran bella scoperta, buona musica e buona danza con una riscoperta di cultura e tradizione un po' nascoste e dimenticate.
  • Mar 30 Giu – RADICI NEL CEMENTO in concerto a LA SPIAGGETTA

    5 jul 2009, 14:32 av donquijote82

    Mar 30 Giu – RADICI NEL CEMENTO in concerto a LA SPIAGGETTA
    Grande concerto sulla spiaggia, nonostante il nubifragio del pomeriggio avesse messo in discussione la mia partecipazione al concerto (e il concerto stesso). Finalemnte riesco a conoscere Adriano Bono, il cantante, dopo mesi di sms e mail, scambiati per la mia partecipazione al video de la bicicletta con le immagini in stop motion con il Lego. Inizio con Il paese di pulcinella, poi una bella scaletta, che alterna discretamente brani più nuovi (solo 6 dall'ultimo disco) a brani più vecchi, tutti i classici da Bella ciccia a Il traffico di Roma, da Sognando Giamaica a La cucina casereccia... Il momento più emozionante quando dal palco Adriano mi dedica La bicicletta, per il contributo dato al video. Sempre piacevole il mix di allegria, ritmo, ironia, sarcasmo e riflessione. Brani molto politici ma con leggerezza e senza mai prendersi troppo sul serio. Il concerto finisce (tardi) dopo un po' più di 2 ore, non c'è tempo di salutare Adriano, perché il giorno dopo si lavora. E allora alla prossima occasione, magari già a Villa Ada ad Agosto
  • De André canta De André

    2 jul 2009, 18:06 av breizh_paris

    Mar 30 Giu – TRIBUTO A DE ANDRE’
    La Reggia di Venaria diventa il centro del mondo, nulla da aggiungere... e il prossimo è Nick Cave...

    ... e insomma io c'ero!
    Ecco la scaletta:

    Megu Megun
    'A çimma (La Cima), l'aneddoto del peperone
    Ho visto Nina volare
    Don Raffaè
    Cose che dimentico, ne spiega la nascita e la dedica
    Se ti tagliassero a pezzetti
    Smisurata preghiera (In direzione ostinata e contraria)
    Verranno a chiederti del nostro amore
    Oceano, l'aneddoto di "Alice" di De Gregori
    Andrea
    Un giudice
    Crêuza de mä
    La canzone di Marinella (mica sono sicura!)
    Amico Fragile (non ricordo bene a che altezza del concerto l'abbia cantata. Ma "Mi sono sentito così anch'io, per 6 anni"...)
    Quello che non ho
    Fiume Sand Creek
    Bis:
    Dietro la porta di casa mia
    Zirichiltaggia (Baddu Tundu)
    Il pescatore, per un gran finale
  • da Genova a Torino passando per la California

    17 maj 2009, 00:25 av breizh_paris

  • Uno maggio a Latina (?!?)

    4 maj 2009, 10:16 av breizh_paris

    Ven 1 Mag – Primo maggio di Latina
    Latina uno maggio cinque edizione p.iazza del popolo. Proprio così. Questo il testo alle spalle dei cantanti sul palco. Come mai non mi stupisco?
    E poi: perchè la folla era in delirio per i Gemelli Diversi e non per le sperimentazioni di Morgan? Non è mica solo "quello di x factor", e ha fatto un intervento davvero fantastico. Un ottico da "Non al denaro non all'amore né al cielo" di Fabrizio De André e Perfect day di Lou Reed da lacrime. Ma forse la platea era troppo "ggiovane" e troppo indigena e non hanno capito. Ecco, mi sono risposta da sola. Peccato che Castoldi sia rimasto una ventina di minuti, contro la mezz'ora e più dei colleghi milanesi dall'entrata trionfale e dai motti che fanno il verso all'hip hop made in usa.
    Magari sto solo invecchiando.